IndiceFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividi | 
 

 new life

Andare in basso 
AutoreMessaggio
8seliane8



Numero di messaggi : 12
Età : 28
Data d'iscrizione : 28.07.07

MessaggioTitolo: new life   Dom Dic 16, 2007 5:18 am

cap 1
anche se a volte litigo con mia madre non ho mai pensato veramente di odiarla, e quindi non mi so ancora spiegare la rabbia con cui le ho gridato tutte quelle brutte cose sul fatto che l'essersi innamorata di un'altro anche se papà era morto era come tradirlo. lo so che forse sono stata troppo dura anche perchè lei ha sofferto molto in questi due anni e non è mai stata felice fino a quando non ha trovato lui. Tetsuya Rukawa. lo vedevo come un usurpatore anche se lui mi ha sempre trattato bene, io non lo sopportavo e infatti successe quello che successe. la mia prima e forse unica vera lite con mia madre: il motivo era semplice ero costretta ad andare in giappone perchè loro avevano deciso di convivere. e visto che ero ancora minorenne era obbligata ad andare anche contro la mia volontà. al contrario mia sorella Federica era contenta e non serve dire che siamo comlpetamente diverse. io e lei non andiamo molto d'accordo infatti la maggior parte delle volte che ci parliamo finisce sempre che ci mettiamo le mani addoso. lo so starete dicendo che sono manesca o addirittura un maschiaccio, ma io sono fatta così e se mi infastidiscono più del dovuto metto subito in chiaro che con me non si scherza e forse è a causa delle mie maniere un pò "manesche" che non ho mai avuto un ragazzo e non ne ho neanche sentito il bisogno veramente. lo so che sto divagando ma vorrei farvi capire alcuni risvolti del mio carattere che vi potrebbero servire per capire il mio comportamento che descriverò di seguito.
sono una ragazza fuori dal comune: -non fraintendetemi non sono megalomane, anzi forse sono tutto il contrario- sono fisicamente forte nonostante il mio fisico abbastanza slanciato; mi è sempre piaciuto battermi con i miei compagni sia con risse che a braccio di ferro (dove modestamente vinco quasi sempre) e soprattutto sono una persona molto solitaria, preferisco di gran lunga rimanere a casa che uscire con i miei pochi amici. non ho mai sopportato ricevere ordini anche dai miei genitori e forse è anche a causa di questo mio orgoglio che non accettavo l'idea di dover andare a vivere insieme a lui in giappone. anche se c'è la mia famiglia non gli ho mai perdonato del tutto il fatto di dover lasciare la mia vita in italia perchè lui aveva preso il posto di mio padre nel cuore di mia madre. comunque essendo ancora minorenne ho dovuto seguirli anche se contro voglia.

mi sento un pò nervosa, forse è perchè non ho sono mai salita su un aereo prima o perchè sò di lasciare la mia vita dietro di me, ma appena sono arrivata in aeroporto mi sono irrigidita e questo non mi piace. non mi piace non sapere cosa troverò là anche se dalle descrizioni di Tetsuya sembra tutto bello e semplice. vi sembrerò contraddittoria ma devo ammettere che mi ha sempre attirato l'idea di partire e andare in giappone, ma non avrei mai immaginato di andarci così....
M "dai Vale sbrigati o perderemo l'aereo!" la voce di mia madre mi risveglia dai miei pensieri e mi tranquillizza un pò.
V "si si arrivo..." cerco di dirlo in tono allegro ma non credo di esserci riuscita infatti
M "e dai non era il tuo sogno andare in giappone e adessio che lo stai per realizzare sei triste?"
V "lo sai che non è per quello mamma...."
M "lo so tesoro e so di chiederti tanto ma per piacere mi sento felice dopo tanto e saperti triste mi rende infelice!"
V "non sono triste è solo che mi mancherà il mio paese e le persone che conosco"
M "ma ne conoscerai altre e poi potrai fare amicizia con il figlio di Tetsuya...magari è anche carino"
V "dai mamma che facciamo tardi...." dico sospirando.
in aereo:
M "Tetsuya ha detto che ci aspetta all'aereoporto di Kanagawa e poi ci porterà nella nostra nuova casa!"
V "si mamma lo hai già detto mille volte.....non ti sembra strano tutto questo silenzio da parte della peste?"
M "ma si può sapere perchè non vai mai d'accordo con tua sorella?"
V "uffi......"
M "comunque hai ragione è fin troppo silenziosa oggi.....ma guardala si è adormentata!"
V "ci credo non è riuscita a dormire stanotte perchè era troppo eccitata!"

il viaggio nonostante sia lungo non dura molto e il tempo sembra essere volato quando atterriamo anche perchè qui in giappone è ancora notte.....lui è lì e ci accoglie sorridendo a tutte e tre. durante il viaggio in macchina comincia a parlare di come è la sua casa e sono alquanto contenta quando arriviamo perchè non avrei potuto sopportare ancora a lungo la sua voce. ci mostra le nostre stanze e con estrema felicità noto che io e mia sorella abbiamo stanze separate e abbstanza distanti fra loro anche perchè la casa dei Rukawa è molto grande è ha parecchhie stanze.... ci chiudiamo subito nelle nostre stanze per disfare le valigie e mentre gli altri vanno a riposarsi io un pò per il fuso orario un pò perchè non sono abituata a non essere nella MIA stanza non riesco ad addormentarmi e quindi decido di andare in cucina per prendere qualcosa da bere. per fortuna non manca molto all'alba e per questo trovo inutile andare in stanza anche se mi sento un pò stanca. poi un rumore di passi mi spaventa anche se credo che si sia spaventato più lui visto che ha appena trovato un'estranea in casa sua.
K "mpf....è tu chi diavolo sei?"
questa sua domanda mi coglie un pò alla sprovvista anche perchè credevo che Tetsuya lo avesse detto al figlio del nostro arrivo, ma visto che il suo sguardo non è molto amichevole capisco che non ne sa niente.
V "perfetto! vedo che lui non ti ha detto niente!" lui non sembra capire e allora ripetto il tutto in inglese sperando che almeno così capisca ciò che dico
K "con lui ti riferisci a mio padre?" anche lui adesso parla in inglese, meno male perchè anche se io avevo iniziato a studiare il giapponese, non sapevo ancora fare un discorso anche se capivo cosa diceva.
V "si. sei il figlio di Tetsuya, vero?"
K "si mi chiamo Kaede!"
V "piacere! sono Valentina!" meno male che nel frattempo era arrivato Tetsuya perchè non sapevo cos'altro dire per spiegare cosa ci facevo in casa sua. così padre e figlio iniziano un accesa discussione sul quale non mi dilungo molto. basta solo dire che tra loro sono volate parole molto pesanti e non meno importante c'è il fatto che Kaede mi ha apertamente insultato. ora come vi ho spiegato prima sono una ragazza molto instintiva e infatti, appena ho realizzato cosa mi aveva detto, non sono riuscita a controllarmi e gli sono letteralmente saltata addosso per picchiarlo. non mi ha sporpreso il fatto che lui abbia risposto subito ai pugni con altri pugni anzi mi ha fatto quasi piacere perchè non si è sforzato di non farmi male. comunque siamo stati quasi subito separati non prima di avegli fatto un occhio nero più qualche livido addosso e aver ricevuto un pogno che mi ha rotto il labbro e qualche livido anch'io, ma senza gravi ripercussioni per entrambi a parte una ramanzina da parte di Tetsuya alla quale mi sono sottratta anche perchè lui non aveva nessun diritto di sgridarmi come gli ho fatto notare subito. lui se l'è presa non poco.
T.R. "io ho tutto il diritto di sgridarti finchè vivrai sotto il mio tetto!"
V "allora tolgo subito il disturbo, non sono mica venuta qui di mia volontà!"
dite che ho esagerato? io non credo anzi forse non aspettavo altro per potermene andare da lì. nessuno è mai riuscito a calmarmi quando ero furiosa, figurarsi adesso che ero completamente incazzata. me ne andai da quella casa che avevo già iniziato ad odiare sbattendo forte la porta. iniziai ad incamminarmi anche se non sapevo dove andare e infatti non ci volle molto perchè mi perdessi. per mia fortuna e per loro sfortuna incontrai un gruppo di teppisti. credo che se non fossi stata così arrabbiata avrei avuto paura ma nel mio stato fui contenta di poter sfogare la mia rabbia e frustrazione su di loro anche se così facendo mi sarei messa in un brutto guaio.
T1 "che bel bocconcino che abbiamo qui. avete visto raga...che ne dite di divertirci un pò con lei mentre aspettiasmo l'armata Sakuragi?"
T2 "hai sempre delle idee geniali capo!"
T1 "vieni qui con noi che ci divertiamo ragazzina!" lo disse mentre mi afferrava il braccio e mi tirava . non notando subito che altri ragazzi si erano avvicinati.
H "lasciala andare! devi vedertela con me lei non centra niente!"
T1 "credo che prima di pestarti Sakuragi mi divertirò un pò con lei!"
credo che non avesse previsto che mi sarei opposta e soprattutto non si aspettava certo di prenderle da una ragazza. non resitivo più e dovevo sfogare la mia rabbia su qualcosa o su qualcuno e visto che lui era lì a portata di mano non persi tempo e cogliendolo di sorpresa lo colpì con un pugno che lo scaraventò per terra.
T1 "come osi brutta sgualdrina!" queste sue parole non fecero altro che farmi arrabbiare ancora di più.
V "non azzardarti mai più a chiamarmi così!" continuavo a gridargli mentre continuavo a colpirlo e avrei continuato così ancora per molto se uno dei nuovi arrivati non mi avesse trattenuto per dar il tempo agli amici di quel teppista di portarlo via. non fui molto contenta dell'interruzione perchè non mi ero ancora del tutta sfogata e il risultoto fu che iniziai a pestare colui che ci aveva diviso.
non credo se l'aspettasse e infatti non reagì al primo colpo che lo prese in pieno viso, ma si riprese subito. alla fine dovetti calmarmi anche perchè mi ero stancata molto e anche perchè i suoi colpi non erano molto leggeri.
H "sei molto brava! anche se sei una ragazza!" mi disse sorridendomi nonostante lo avessi colpito fino ad un attimo prima.
V "grazie anche tu non sei male! comunque se non ci avessi diviso non ti avrei colpito.!
H "ma così lo avresti ammazzato..."
V "non avrebbe dovuto infastidirmi! e poi dovevo sfogare la mia rabbia su qualcosa ma visto che non mi lasciava andare l'ho sfogata su di lui!"
H "scusa non mi sono presentato! sono Hanamichi Sakuragi.....ma tu puoi chiamarmi tensai ahahahaha! loro sono Yohei, Nozomi, Noma e Yuji.!"
V "piacere! sono Valentina!"
H,Y,No,No,Yu "piacere di conoscerti!" ripeterono tutti e cinque insieme.
H "scusa la domanda ma non te l'ho fatto io il taglio sul labbro vero?"
V "no è stato il mio fratellastro quando ci siamo picchiati!"
Y "ha osato picchiarti? che mascalzone!"
V "veramente ho iniziato io a picchiarlo perchè mi aveva insultato mentre discuteva con il padre sul fatto che non sapeva niente che d'ora in poi avremmo vissuto sotto lo stesso tetto!"
Y "e visto come hai ridotto Hanamichi anche lui non deve essere messo molto bene!"
V "gli ho fatto solo un occhio nero e qualche livido prima che riusciussero a dividerci!"
H "è meglio se metti qualcosa su quel labbro prima che si gonfi ancora di più!"
V "lo so ma essendo arrivata solo da poche ore non so ancora orientarmi e visto che ero arrabbiata non ho fatto attenzione in quale via si trova la casa......" dicendo questo sono arrossita.
H "non ti preoccupare ti aiuto io a trovare la casa! solo che se non ti dispiace dovrai aspettare perchè io adesso ho gli allenamenti con la squadra di basket!"
V "grazie ma non vorrei disturbare!"
H "ma tu non disturbi anzi mi fa piacere se vieni a vedermi giocare!"
V "ok tanto non ho niente da fare!" detto ciò ci incamminammo tutti e sei verso la palestra che non era molto distante da lì. mentre Hana andava a cambiarsi e piuttosto in fretta perchè era in ritardo, io presi posto sulle tribune con gli altri.
Ay "Hanamichi sei sempre il solito ritardatario!....ma cosa ti sei fatto alla faccia? non avrai fatto di nuovo a botte vero?"
H "scusa Ayako ma ho dovuto salvare una povera donzella indifesa da un gruppo di teppisti!"
non so come ho fatto a resistere per scoppiare a ridere facendo crollare così la scusa del rossino e non fui la sola a trattenermi infatti anche l'armata Sakuragi dovette reprimere non poco le grosse risate che quell'affermazione aveva suscitato. Hanamichi comunque ci lanciò uno sguardo di gratitudine avendo visto che non lo avevamo tradito.........con mio enorme stupore notai che Hana non era l'unica persona che conoscevo della squadra quando li sentì esclamare:
Ay "Rukawa ma che ti sei fatto anche te? non è che vi siete picchiati ancora vero?"
H "no non sono stato io a picchiare la kitsune questa volta!"
l'altro gli lanciò uno dei suoi soliti sguardi gelidi per impedirgli di fare battute ma Hana non è molto sveglio e infatti continua imperterrito la sua presa in giro.
non credevo che si conoscessero e infatti glielo faccio notare appena esce dagli spogliatoi anzi è già tanto che non sia entrata per domandaglielo subito, appena avevano finito l'allenamento.
V "Hanamichi muoviti a cambiarti che ti devo chiedere una cosa!" gli grido mentre aspetto che si cambi.
H "tieni Vale così il tuo labbro si sgonfierà un pò!" appena esce dallo spogliatoio infatti mi porge il ghiaccio.
V "non lo voglio grazie. come fai a conoscere il mio fratellastro?"
H "prima di tutto se non te lo metti non ti rispondo! secondo chi sarebbe il tuo fratellasto?"
V "quello che continuavi a chiamere kitsune!"
H "COSAAAAAAAAAA?" grida facendo uscire tutta la squadra dallo spogliatoio "il tuo fratellastro sarebbe la kitsune gelida? aspetta un attimo quindi vorrebbe dire che l'occhio nero glielo hai fatto tu?AHAHAHAHAHAH!"
Mit "tu saresti la sorella di Rukawa?"
V "sorellastra" puntualizzo io "e comunque non dovresti meravigliarti del fatto che glielo abbia fatto io quell'occhio nero! guarda che mi arrabbio!"
H "per carità no ti prego! scusa non volevo farti arrabbiare ma se vuoi puoi sfogare la tua rabbia sul Gorilla.........."
Ak "ehi e io cosa centro scusa? e poi come farebbe a sfogarsi su di me?"
H "meglio che tu non aggiunga altro perchè non ti consiglio di farla arrabbiare perchè hai visto cosa ha fatto a Rukawa no?"
Ay "non mi vorrai dire che l'occhio nero a Ru l'ha fatto lei vero?!"
H "si Ayako è stata lei e poi non avendone abbastanza si è sfogata anche su un teppista che la stava infastidendo e se non l'havessi fermata lo avrebbe mandato dritto in ospedale!"
Mit "non ci credo! come ha fatto una ragazzina a pestare Kaede?"
V "non sono una ragazzina hai capito bene?"
H "dai calmati Vale-chan! non voleva offendere, non ti arrabbiare!"
V "tsk! non sarebbe neanche divertente e poi preferisco sfogarmi con te!"
H "no ti prego non di nuovo!" dice tremando visibilmente il rossino e credo anche che stia sudando freddo dalla paura.
Ak "cos'hai Hana? non avrai mica paura di lei?"
H "puoi giurarci che ho paura di lei! guarda come mi ha ridotto prima!"
i suoi compagni continuano a fissarmi adesso abbastanza preoccupati più che altro per il fatto che il rossino ha ammesso di avere paura di me.
Mit "Sakuragi stai scherzando vero?"
H "no Mitchy non sto scherzando e credo che i miei lividi bastino come prova."
V "oh insomma smettetela di fissarmi così non mordo mica! e poi Hana mi avevi detto che mi riaccompagnavi a casa!"
H "ah si è vero, beh raga ci vediamo domani!"
Ak "mi raccomando ci serve intero per le partite che dobbiamo disputare la prossima settimana! poi potrai sfogarti quanto ti pare su di lui ma non prima ok?"
V "ok ok.........mi troverò qualcun'altro su cui sfogare la mia rabbia!"
Ay "possibilmente non Kaede ci serve anche lui se vogliamo sconfiggere gli avversari!"
V "questo non posso prometterlo anche perchè se mi insulta ancora non mi fermo di certo perchè a voi serve per giocare!"
un gelido silenzio cade sulla squadra e solo l'arrivo dell'interessato lo spezza momentaneamente. non saluta nessuno ed entra subito a cambiarsi e allora riscuotò Hanamichi che però si rende conto che non sa la strada e il fatto di chiederlo alla kitsune non gli piace affatto, meno male Ayako lo sa e senza pensarci troppo ce lo dice.
V "arrivederci e grazie per l'informazione!"
Ay "figurati!"

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
new life
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» follia: iron man 1:1 scale from sideshow (quel ragazzo ha dei problemi)
» Collana fatta con foulard
» la censura e il cinema
» sedia London con scrivania
» Eccomi qua

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: FANZONE :: FanFiction-
Vai verso: